RISOTTO CON ZUCCA E GORGONZOLA … E UN PO’ DI RISPOSTE

Avete mai voglia di stravolgere un po’ la giornata?! Io certe volte quando suona la sveglia vorrei spegnerla e dire “ok oggi faccio come dico io”… Poi mi la mia coscienza inizia a parlare e non riesco! I mio senso del dovere si fa sentire e lo so che e’ giusto ma ogni tanto sarebbe cosi’ bello poter dedicarsi piu’ tempo. L’atro giorno avevo diecimila cose da fare, ma quando sono tornata da lavoro mi son detta che se le rimandavo non succedeva nulla per cui sono andata a prendere la mia fidata compagna di shopping, mia mamma e siamo andate a fare un giro in un grande outlet. E’ stato rigenerante, abbiamo passeggiato, chicchierato e ho anche trovato il mio regalo di compleanno, un bel golfino:) Meglio di cosi’ non poteva andare. Infine siamo andate a fare un po’ di spesa e ho trovato una bella zucca per cui ci stava un buon risottino, bello giallo e allegro!!!

 
Ingredienti per 2 persone:
2 tazzine da caffe’ di riso Acquerello
250 gr. di zucca 
100 gr. di gorgonzola
trito di carota, sedano e cipolla
2 cucchiai di olio evo Dante
pepe bianco
rosmarino
1/2 bicchiere di vino bianco
Per prima cosa sbucciamo la zucca e la cuociamo per 15 minuti a 180° in forno. Una volta cotta la tagliamo a cubetti. Prendiamo una pentola antiaderente, mettiamo l’olio e il trito di sedano, carota e cipolla e facciamo soffriggrere per 5 minuti. Versiamo il riso e faciamo tostare. Versiamo il vino lo lasciamo sfumare. Io faccio il risotto con l’acqua, viene saporito lo stesso perche’ c’e’ il trito di verdure. Iniziamo a mettere un bicchiere di acqua tiepida. Mescoliamo, saliamo, pepiamo e mettiamo un po’ di rosmarino. infine aggiungiamo la zucca.  Versiamo acqua ogni volta che si asciuga fino a cottura ultimata. Spegniamo il fuoco e mantechiamo con il gorgonzola.
Con questa ricetta partecipo al contest di Silvia 

Ora vorrei rispondere anche al giochino che mi ha coinvolta la mia cara Carla  l’ ho trovato molto carino perche’ fa conoscere un po’ di se’…

Quando non avete un’ingrediente rinunciate a preparare il piatto che dovevate fare, improvvisate sostituendolo o l’omettete? 
Se non ho un ingrediente di solito improvviso, anche se mi ci vuole un po’ per capire con cosa sostituirlo.
La città dove vorreste vivere che non sia quella in cui vivete?
 Sono legata alla Romagna perche’ i miei nonni abitavano li , pero’ opterei per la Toscana, qualsiasi citta’!
Quanti taglieri avete?
Troppi, mio marito e’ un fan dei taglieri, l’ultimo  uno in legno d’ulivo.
Qual’è l’attrezzo di cucina di cui non potete fare a meno?
Del mio KitcheAid giallo, io lo adoro, ci parlo!!!!
Qual’è l’accessorio di cucina (attrezzo, pentola, stampo.ecc.)  che ancora non avete e vorreste?
E’ da tanto che desidero lo stampo per le madelaines 
Qual’è il vostro accessorio d’abbigliamento preferito?
 i jeans, mi sento sempre a mio agio
Qual’è il vostro cuoco preferito?
Uno solo e’ poco… Mi piace Alessandro Borghese, Nigella, Jamie Oliver, Donna Hay
Qual’era il vostro gioco preferito da piccole?
Nascondino, ci si radunava tutti i bimbi della mia via e facevamo sera a giocare
Siete ancora in contatto con il primo amore?
Credo che il vero sentimento d’amore sia per marito, senza di lui non potrei stare
Qual’è il primo piatto che avete cucinato?
Ho provato a rifare la mitica torta di mia mamma di ricotta e noci ma e’ venuta malissimo!!!!
Qual’è il vostro colore preferito?
Il nero resta sempre il mio preferito 

Dovrei passarlo ad altre blogger, ma le lascio a tutte quelle che vogliono rispondere!!!
Vorrei anche ringraziarviper la numerosa partecipazione al mio Giveaway siete tutte dolcissime. Ci sono delle novita’, la prima e’ che ci saranno due premi: uno ad estrazione e l’altro ho voluto coinvolgere mia mamma e fara’ da giudice, scegliera’ una ricetta che le piace e vi dara’ la motivazione.
Per i premi vi lascio ancora la curiosita’! 
Per cui partecipate basta solo qualcosa di dolce:)

RICOTTA AL FORNO CON POMODORI E ZUCCA

Avevo programmato un’altro post per oggi, ma avevo voglia di raccontarvi delle cose e allora si cambia… nuovo ma se non avessimo nessuno saremmo tristi e soli. Ogni piccolo gesto che mi viene fatto e’ qualcosa di speciale!!! Un sorriso, una parola, una mail dobbiamo cogliere tutto!!!! Per cui ringrazio questa persona che si e’ anche offerta di darci dei consiglli per la cameretta del bimbo che stiamo facendo e apprezzo perche’ lo fa con il cuore! In piu’ ho voglia di ringraziare tutte voi perche’ ogni giorno mi date modo di esserePer prima cosa visto che avete chiesto in tanti il magico trucco per
non far attaccare la ciambella allo stampo, ve lo dico subito. Dovete
imburrare bene bene lo stampo e poi passare la farina di mais quindi lo
mettete in frigo fino al momento di versare l’impasto all’interno,
funzione e’ garantito!!!Ieri era una giornata a dir poco
infernale, per la la verita’ e’ un periodo strano, a momenti sono
euforica altri ho mille paure e pensieri che mi frullano per la testa…
Apro la mail e ne trovo una, la leggo e mi torna il sorriso… Mi e’
stata mandata da una di voi e devo dire che mi ha fatto un immenso
piacere per cio’ che ha scritto. Come ho spiegato a lei io non ero
cosi’, ero molto piu’ schiva, a tratti cupa ma quello che ci succede nel
nostro percorso di vita ci cambia e anche i momenti duri e tristi
servono. Passando un momento davvero difficle, perche’ non ti aspetti
mai che possa capitare proprio a te certe cose, sono arivata a capire
che non possiamo gettare la vita. Ogni giorno ci viene regalato qualcosa
di cui gioire anche se facciamo fatica a vederlo. Per me le cose
materiali sono relative, si i soldi servono e’ anche bello avere
qualcosa di felice ma specialmente due le mie compagne di istangram!!!! Tesorine mie siete speciali per me!!!!
Con questo vi lascio questa ricettina semplice tratta da Donna Hay e un po’ modificata con quello che avevo in casa, leggera e gustosa!!!

Ingredienti per due persone:
400 gr. di ricotta
1 cucchiaio di olio evo Dante
1/2 cucchiaino di paprika dolce
1/2 cucchiaino di zenzero macinato
sale e pepe macinati
6 fete di zucca pelate
2 pomodori
rosmarino
ricotta affumicata da grattugiare

2 foglie di radicchio

Scaldiamo il forno a 180°. Mettiamo la ricotta in una teglia foderata da carta da forno, mescoliamo l’olio evo con la paprika, lo zenzero, il sale, il pepe e versiamo sulla ricotta. Mettiamo la zucca dall’altro lato della teglia, saliamo e mettiamo un po’ di rosmarino. Tagliamo i pomodori in quattro parti, li mettiamo sempre nella teglia , saliamo e pepiamo. Inforniamo per 45/50 minuti fino a quando non sara’ tutto dorato. Mettiamo i pomodori sulla foglia di radicchio e grattugiamo la ricotta affumicata sopra. Mangiamo quando e’ ancora caldo.

CREMA DI ZUCCA CON PORCINI E ASIAGO E DOLCETTO…

Voglio rinraziarvi per avermi scritto e rincuorato sulla mia amicizia “perduta” lascio che il tempo faccia il suo corso…

Oggi mi sono svegliata e che tempo, pioggia, grigio e ormai il freddo e’ arrivato. Pero’ la cosa bella sono i cibi caldi e coccolosi . Mi piace stare in casa al calduccio magari sotto una copertina  a guardare un film e rilassarmi, cucinare e sentir il profumo del forno…. Questo e’ il mio programma per il lungo fine settimana . Per fortuna facciamo ponte ne abbiamo bisogno.
Mi piace anche come sapete fare delle cenette e stare con amici, magari dopo fare anche qualche giochino di societa’. Ieri sera per esempio ci siamo ritrovate e io e Luisa a cucinare a quattro mani per fare una cena a base di zucca per otto persone che vi posteremo a breve. Mi piace cucinare con lei perche’ ci capiamo al volo, siamo in sintonia e intanto chiacchieriamo. La serata e’ passata veloce e molto divertente mentre fuori c’era un tempo veramente da lupi. Queste cose mi ricaricano ed e’ vero che le  amicizie ci sono sempre sia nei momenti bui che in quelli divertenti. Luisa e’ speciale ha il dono di farmi stare sempre bene. Prima non mi sognavo nemmeno di chiamare nessuno per dire le mie cose ma anche quelle piu’ sciocche, ora ho il bisogno di dirgliele e lei anche. Sono arrivata a 36 anni per scoprire cos’e’ realmente l’amicizia e mi piace! Devo dire che anche con alcune di voi e’ nata io la chiamo sempre amicizia perche’ mi conoscete e quando ci si scrive sento il vostro apppoggio e non vi voglio perdere:-)
Bene, ora passiamo alla ricetina, perche’ vi scrivo sempre che amo la zucca e poi non posto mai niente ma perche’ non faccio in tempo a fotografare. Questa zuppa la faccio spesso e ci piace molto!!!

Inredienti per 2 persone:
300 gr. di zucca
1/2 cipolla rossa
1 bicchiere d’acqua
1 cucchiaio di rosmarino TecAl
sale Gemma di mare
pepe bianco TecAl
porcini marinati
cubetti di Asiago
1 cucchiaino di zenzero in polvere

Mettiamo in una pentola la zucca tagliata a pezzi, la cipolla a rondelle e il bicchiere d’acqua. Copriamo e lasciamo cuocere a fuoco lento per 30 minuti. Prendiamo il frullatore ad immersione e riduciamo tutto ad una crema. Saliamo, pepiamo, aggiungiamo il rosmarinoe lo zenzero, mescoliamo e mettiamo sul fuoco basso per altri dieci minuti. Mettiamo nel piatto e aggiungiamo dei dadini di Asiago e i porcini marinati. Per i porcini , li ho puliti, tagliati a pezzi e messi a marinare con aceto di mele, poco olio e prezzemolo per una notte.Come vedete non c’e’ praticamente olio per cui se volete un piatto totalmente light togliete il formaggio.

 IL DOLCETTO…

Mio marito mi aveva anche chiesto se non facevo niente di pauroso per Halloween, allora avevo pensato di fare la faccia di una zucca , ma non mi e’ venuta… Quando ha visto cosa avevo fatto ha esclamato ” il pulcino pio assassino”!!! Potete ridere, lo so e’ molto ma molto ridicolo ma ve l’ho postatao lo stesso per farvelo vedere:-) E’ una semplice crostata con : 200 gr. di farina “0”, 50 gr. di farina di mandorle, 1 uovo, 70 gr. di burro, 70 gr. di zucchero e un pizzico di sale. La marmellata e’ di melograno e lamponi, buonissima me l’hanno regalata. 

Vi auguro un buon fine settimana e vi abbraccio!!!

PASQUALINA ZUCCA, PORCINI E GORGONZOLA

Sapevo che partecipare al MTC era una bella sfida ma ragazzi qui ho lavorato davvero tanto!!!! Per fortuna Vittoria spiega passo dopo passo come fare la pasqualina. Al’inizio pensavo fosse semplice, faccio le sfoglie, le riempio ed io gioco e’ fatto! Ma tra il dire e il fare come si dice c’e’ una grande differenza!!! Le sfoglie devono essere tirate a mano e allora un po’ aiutata con il mattarello poi ho voluto provare con i pugni come ci spiega per farle piu’ sottili, la prima e’ venuta presa dall’enfasi con la seconda ops buco… Rattoppa e ops un’altro!!!! Per cui ho rimpastato e con calma ce l’ho fatta! E’ tutta questione di calma e poi ammetto ci vuole pratica che io non ho, ci ho messo un pomeriggio per farla!!! Poi c’era il ripieno un occhio alla stagionalita’ niente carne e pesce e ora?! Beh mi viene in aiuto la mia amata zucca!!!! Iniziano ad esserci le prime e per cui ecco il ripieno! Ma il colpo e’ stato quando in cerca della famosa cannuccia mi sono ricordata di averle buttate tempo fa , e ora?! La pasqualina era li che mi guardava… Bene , niente paura ho preso una mezza penna e con quella ce l’ho fatta!!! Alla fine l’abbiamo mangiata… Paradisiaca!!! Sfoglia secondo me riuscita e tutto si fondeva bene, l’abbiamo finita tutta io e mio marito!!! 

Ingredienti:
Per la pasta ho fatto come la ricetta originale qui
300 gr. di farina tipo manitoba
1/2 bicchiere di vino secco
1/2 bicchiere di acqua

Per il ripieno:
200 gr. di zucca cotta al forno
150 gr. di stracchino 
100 gr. di gorgonzola
funghi porcini crudi sotto olio ( fatti da mio suocero)
sale e pepe

Per la pasta mettiamo in una ciotola la farina, versiamo il vino e l’acqua. Impastiamo,  deve risultare morbida ma non appiccicosa. Formiamo un panetto e lo dividiamo in cinque palline. Le copriamo e lasciamo riposare per 2 ore. Trascorso il tempo stendiamo le sfoglie, io prima l’ho fatto con il mattarello e poi con il sistema dei pugni. Ungiamo la teglia con l’olio e foderiamo il fondo con la prima sfoglia che deve ucire dai bordi. ungiamo la pasta di olio e mettiamo la seconda sfoglia. Versiamo la zucca cotta al forno e ridotta in purea precedentemente, mescolata al sale e pepe. Mescoliamo lo stracchino con il gorgonzola e li mettiamo sopra la purea di zucca, infine aggiungiamo i porcini. Riprendiamo a fare le sfoglie sempre fini adagiamo la prima sul composto, anche questa deve debordare. ungiamo con l’olio e facciamola stessa cosa con le altre due sfoglie. Togliamo il bordo in eccesso, lo arotoliamo in modo da chiuderlo ma prima di finire con una cannuccia( io una mezza penna) soffiamo tra uno strato e l’altro , quando e’ ben gonfia sigilliamo bene. Inforniamo per 50 minuti circa a forno gia’ caldo a 180°. Appena sfornata passiamo delicatamente con il pennello un po’ di olio sulla superficie. Non la mangiamo subito, prima perche’ ci ustioniamo poi perche’ la pasta raffreddandosi si ammorbidira’. 

Con questa partecipo al MTC

DOLCE DI ZUCCA E COCCO PER FESTEGGIARE !!!

Questo fine settimana e’ stato pieno di emozioni e ancora fatico a mettere in parole tutto cio’ che ho provato… Nell’adozione ci sono vari step e tempi lunghi questo lo sappiamo tutti, per questo  ogni volta che succede qualcosa per me e’ un passo in avanti e la mia gioia sale alle stelle!!! Pero’ in questi giorni abbiamo fatto un balzo… Noi come vi ho gia’ detto ci siamo affidati a quella internazionale perche’ la nazionale ha tempi biblici. Non vi sto a spiegare la burocrazia che non e’ mai finita ma sabato e domenica avevamo un altro corso e al termine potevamo decidere se dare all’ente il mandato per il paese che avevamo scelto e l’ente doveva decidere se noi eravamo idonei per lui. E’ stato un corso davvero molto bello e interessante dove ho conosciuto persone meravigliose e con certe restero’ sicuramente in contatto. Ieri alle tre in punto avevamo il colloquio eravamo tesi ed emozionati, quando ci hanno confermato la loro disponibilita’ nei nostri confronti la nostar gioia e’ esplosa! Nel momento in cui si firma il documento per l’incarico vuol dire che entro un anno piu’ o meno garantiscono l’arrivo di nostro figlio… siamo genitori e non si torna indietro. Un anno non e’ nulla! Dobbiamo fare la cameretta finire le carte e attendere…ma una dolce attesa! Non vi dico mio marito quando ha firmato con le lacrime agli occhi e’ stato un momento indimenticabile!!!! E ora posso dirvi il paese… Etiopia! Come siamo arrivati qui sarebbe troppo lunga dirvelo, ci sono molte cose da valutare , ma credetemi siamo al settimo cielo!
Allora si deve festeggiare con un dolce e questo e’ stata una sorpresa zucca e cocco un’abbinata per me strana e invece si fonde davvero bene! Ne offro una fetta a tutti voi e gioite con me!!!

Ingredienti per uno stampo da 22 cm.:
100 gr. di farina di cocco
200 gr. di farina integrale
100 ml. di olio di semi
160 gr. di polpa di zucca cotta a vapore
3 uova
50 ml. di acqua bollente
180 gr. di zucchero
1 bustina di lievito
poche gocce di essenza di vaniglia
zucchero a velo e stelline di zucchero per decorare

Montiamo i bianchi a neve ben ferma e mettiamo in parte. In una ciotola capiente amalgamiamo l’olio, i tuorli, l’acqua, la farina di cocco e quella integrale, la polpa di zucca e l’essenza di vaniglia. Usando un cucchiaio di legno mescoliamo bene fino a quando non diventa tutto omogeneo e senza grumi, e’ molto morbido come impasto. Infine aggiungiamo delicatamente gli albumi. Trasferiamo il composto nella tortiera e cuociamo nel forno statico gia’ caldo a 180° per un’ora , ma fate la prova stecchino per sicurezza. Sfornate, lasciate raffreddare e spolverizzate con lo zucchero a velo e le stelline. 

Con questo dolce partecipo al contest di Morena