PACCHERI CON CAPESANTE E CREMA AGLI ASPARAGI

Anche per noi sono giunte le pulizie di primavera! Io in casa e mio marito il garage… Il garage, per noi un posto dove quando non sappiamo dove mettere qualcosa finisce li. Quindi si apre un mondo quando lo sistemiamo!!! Ma la cosa piu’ dura e’ stata quando mi ha chiesto se potevo buttare un po’ di scarpe perche’ ce n’erano di vecchissime… Io ho una passione smodata per le scarpe e mi piace tenerle tutte perche’ credo che negli anni poi la moda le riproponga. Mi ci affeziono, ma effettivamente dovevo scremare… E’ stata dura, credetemi, ma alla fine ce l’ho fatta! Non erano molte sinceramente quelle da buttare ma un po’ di pulizia l’ho fatta cosi’ siamo felici entrambi. Vista tutta la fatica volevo fare un piattino diverso dal solito per cui mi sono usciti questi paccheri con le capesante e una deliziosa cremina agli asparagi verdi, e ce lo siamo gustato tutto!!!

Ingredienti per 3 persone:

  • 230 gr. di paccheri
  • 250 gr. di asparagi verdi freschi
  • 10 capesante
  • un limone
  • olio d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • timo
  • rosmarino
  • maggiorana
  • un pizzico di brandy

Laviamo gli asparagi, eliminiamo la parte del gambo finale e con un pelapatate  peliamo lo stelo. Facciamo bollire dell’acqua in una pentola e li cuociamo per 5 minuti. Scoliamo gli asparagi, tagliamo le punte e il gambo lo mettiamo in un contenitore, aggiungiamo due cucchiai di olio d’oliva, il succo del limone, sale e pepe a piacere, con un frullatore ad immersione creiamo una crema. Nel frattempo mettiamo a bollire l’acqua per i paccheri. Mentre aspettiamo che la pasta cuocia, prepariamo le capesante. In una ciotola facciamo un emulsione con dell’olio d’oliva, un po’ di succo di limone, il timo, rosmarino e la maggiorana. Versiamo il composto in una padella antiaderente e lo facciamo scaldare. Saliamo e pepiamo le capesante e le mettiamo in padella, non serve cuocerle troppo. Verso fine cottura sfumiamo con un po’ di brandy. Quando vediamo che sono dorate da entrambe i lati le mettiamo su un piatto. Ora versiamo la crema di asparagi nella padella dove abbiamo cotto le capesante. Scoliamo la pasta ancora al dente e la versiamo nella padella, mescoliamo per insaporire con la crema la pasta. Aggiungiamo le capesante e impiattiamo mettendo le punte degli asparagi come guarnizione.

FRITTATA AL FORNO CON ERBETTE DI CAMPO E RICOTTA

Qua la primavera va e viene, ci sono giornate di sole e si sta bene fuori e giornate piovose…  Anche il fisico fa fatica ad abituarsi, e in casa il raffreddore regna sovrano!!! Ormai non ne possiamo piu’, in piu’ mio figlio fa fatica a guarire  da una bruuta tracheite  che non lo fa dormire di notte… Per cui cerchiamo di tirarci su con il mangiare, qualche dolcetto e piatti che portino il sole in tavola. La nonna di mio marito in questi giorni e’ andata a raccogliere erbette nei campi e ce ne ha regalate un bel po’, questi sono pensieri sempre ben accetti !!! Erano belle fresche e verdi e avevo voglia di fare una bella frittata ma per quanto possibile leggera. Per cui ho deciso per  la cottura in forno, un po’ di ricotta per dare sofficita’, le mie belle erbette ed il gioco e’ fatto! Un piatto veloce, gustoso e unico !!! Se volete potete sostituire le erbette con degli spinaci, dei bruscandoli, degli asparagi fate volare la vostra fantasia!

Ingredienti per 3 persone:

  • 3 uova grandi bio
  • 200 gr. di ricotta fresca
  • due cucchiai di grana
  • 50 gr. di erbette di campo lessate
  • scamorza grattugiata per ricoprire
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Per prima cosa sbattiamo bene le uova con il sale e il pepe, incorporiamo la ricotta fresca e amalgamiamo bene il tutto. Aggiungiamo il grana, le erbette precedentemente lessate e mescoliamo. Prendiamo una pirofila e la imburriamo e spolverizziamo con del pane grattuggiato cosi’ la nostra frittata non si attacca. Versiamo il composto e lo livelliamo. Cospargiamo con la scamorza affumicata e cuociamo a forno gia’ caldo a 180° (statico) per 40 minuti circa.

LA MIA CAESAR SALAD CON CROSTINI DI PANE NERO AROMATIZZATI E SALSA ALL’AVOCADO

Non poteva esserci ricetta migliore per MTCHALENGE visto che il caldo e’ arrivato!!! Una bella e buona Caesar Salad che ci ha proposto Leo . All’inizio volevo provare la sua ricetta ma non avendo delle uova ho ripiegato su un’altra salsa. E’ un piatto unico non un’insalta per il contorno, dove si mescolano varie consistenze, dalla carne ai crostini che vegono aromatizzati dall’aglio e dal basilico. Una salsa fresca all’avocado sgrassata da tanto lime e nell’insieme ci ha fatto fare una cena gustosa.
La prima volta che ho assaggiato la Caesar Salad e’ stato a Londra e me ne sono innamorata subito. Anche quella era con il pollo e insaporita da una salsina deliziosa.
Cosi’ ecco la mia versione spero che vi piaccia!!!

 

Per la salsa all’avocado, frulliamo insieme tutti gli ingredienti fino a formare una crema. Mettiamo in ciotola e lasciamo in frigo per un’oretta per far amalgamare tutti i sapori.

Per i crostini di pane:
ricetta per il pane nero qui
1 cucchiaio di olio evo
una decina di foglie di basilico
1 spicchio d’aglio schiacciato

Tagliamo a cubetti il pane. Schiacciamo l’aglio e sminuzziamo il basilico. Mettiamo in padella con un cucchiaio di olio insieme ai crostini e li facciamo tostare.

Ingredienti per l’insalata per 2 persone:
2 cespi di lattuga romana
15 pomodorini pachino
2 petti di pollo
sale e pepe
olio evo q.b.

Ho seguito il procedimento di Leo per la lattuga. Stacchiamo le foglie con delicatezza, le laviamo con cura e le asciughiamo con la carta assorbente. Poi le mettiamo in frigo. Laviamo anche i pomodorini e li tagliamo a meta’. Cuociamo su una griglia il pollo con un po’ di olio evo, sale e pepe e lo tagliamo a pezzetti. Quando si sara’ raffreddato conponiamo l’insalata. Mettiamo le foglie di lattuga, i pomodorini, il pollo e i crostini. Infine condiamo tutto con una bella dose di salsa.

 

 

 

LA MIA TAIEDDHRA DI RISO

Prima di lasciarvi non potevo non partecipare all’ MTC di questo mese, la Taieddhra  di Cristian. Un piatto che non conoscevo, ammetto la mia ignoranza, ma che mi ha incuriosito subito…
Cosi’ domenica a pranzo per me e il mio maritino l’ho preparata. Appena abbiamo assaggiato il primo boccone siamo stati catapultati in salento, un gusto buonissimo ed un profumo che ha invaso la casa.  Ho cambiato un po’ la ricetta perche’ mi sono ingegnata con le cose che avevo in casa ma sono davvero soddisfatta anche perche’ e’ una ricetta gustosa e non molto laboriosa.

Ingredienti per 2 persone:
150 gr. di riso integrale
200 gr. di patate
150 gr. di zucchine
4/5 pomodori ciliegino
100 gr. di gamberoni da sgusciare
50 gr. di caprino fresco
20 gr. di pecorino romano
olio evo q.b.
succo di mezzo limone
1 cucchiaino raso di zenzero in polvere
1 cucchiaino raso di paprika dolce
sale q.b.

Per il brodo di pesce:
1/2 cipolla
1 carota
2 coste di sedano
le teste dei gamberoni

Per prima cosa facciamo il brodo. Tagliamo la cipolla, la carota e le coste del sedano a pezzi . Le mettiamo in una pentola con dell’acqua. Sgusciamo i gamberoni e togliamo la testa che mettiamo nella pentola. Facciamo cuocere fino a bollore. Spegniamo e lasciamo coperto. Puliamo tutte le verdure. Le zucchine e le patate le tagliamo a rondelle fini con la mandolina. I pomodorini li facciamo a pezzetti. Prendiamo la teglia in coccio, versiamo un filo d’olio e facciamo uno strato con le patate e poi con le zucchine. Mettiamo ora il riso sopra le verdure e lo livelliamo. Ora versiamo il brodo fino a ricoprire il riso. Aggiungiamo il caprino fresco, i pomodorini e le code di gambero pulite e messe a marinare precedentemente con il succo di limone, lo zenzero e la paprika dolce. Finiamo facendo un altro stato di patate, poi le zucchine e infine il pecorino romano grattugiato. Preriscaldiamo il forno a 160° . Inforniamo per 1 ora. 

In questi giorni mi dedico ai preparativi per la partenza. Siamo emozionati e non vediamo l’ora di poter vivere questa nuova avventura! Vi abbraccio tutti con grande affetto e ci risentiamo a mio ritorno!!!

NOODLES DI SOIA CON GAMBERI E VERDURINE

Leggendo dei post in questo periodo molto interessanti mi viene da pormi delle domande… Cos’e’ la liberta’ come ha scritto la mia amica Elle… Oppure l’importanza di questa vita che pero’ non abbiamo mai il tempo di potercela godere fino in fondo… Ma anche come siamo… Come cambiamo… Tutto cio’ che ci succede ci muta dentro e fuori… Quando mi guardo colgo qualche piccola ruga che prima non c’era, ma non mi dipsiace e’ il passare del tempo che resta anche sul mio corpo… Quando mi guardo mi sento davvero molto diversa e certe volte mi sento anche fuori dal gruppo di gente che mi circonda… Non amo la mondanita’… Non amo troppa confusione.. Periodicamente esce la mia malinconia… In certi momenti mi chiudo a riccio, questo succede quando non riesco a far andare le cose come vorrei… Cosi’ mi arrabbio con me stessa perche’ tendo a chiudere fuori le persone che mi amano.  Sto cercando di cambiare… Ed e’ difficile farlo, bisogna lavorare molto su di noi… Dovrei acquistare piu’ sicurezza in me stessa e’ per questo che vacillo… Pero’ leggendovi mi siete d’aiuto per capire molte cose e non perdere di vista i miei obbiettivi cosi’ posso rimanere piu’ lucida… 
Ora basta riflessioni…
L’altra sera avevo voglia di un piatto diverso, ed era da tempo che mi frullavano in testa questi noodles. Quando vado a mangiare giapponese li prendo sempre cosi’ alla fine ho chiesto come si facessero perche’ hanno un gusto particolare e il cuoco gentilmente mi ha detto che il brodo vegetale lo faceva con la cannella… Ecco svelato il mistero!!!

Ingredienti per 2 persone:
Per il brodo vegetale:
1 carota
2 gambi di sedano
1/2 cipolla
1/2 stecca di cannella
sale e pepe

Per i noodles:
100 gr. di noodles di soia
150 gr. di spinacini freschi
15 pomodorini
100 gr. di gamberi sgusciati
2 cucchiai di salsa di soia
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di olio evo Dante

Per prima cosa facciamo il brodo. Laviamo e tagliamo a pezzi piccoli la carota, il sedano e la cipolla. Li mettiamo in una pentola con l’acqua. Aggiungiamo la cannella, il sale e il pepe. Facciamo cuocere per 30/40 minuti. Poi filtriamo tutto e teniamo il brodo. In una padellla antiaderente, mettiamo l’olio e lo facciamo scaldare. Versiamo i pomodorini e li cuociamo a fuoco alto finche non si ammorbidiscono. Abbassiamo la fiamma e aggiungiamo gli spinacini, i gamberi, la salsa di soia e il succo del limone. A questo punto versiamo un bicchiere di brodo e mettiamo i noodles, mescoliamo sempre finche’ non si ammorbidiscono. La cottura e’ veloce, dobbiamo aggiungere brodo se si asciugano troppo ma non cuociamoli piu’ di dieci minuti. Noi li abbiamo trovati saporiti e la cannella da un tocco in piu’ al piatto!

Con questa ricetta partecipo al contest di Ale