GIRELLE ALLA CANNELLA, MELE E NOCI… Il mio dolce del cuore

Per me come avrete capito i dolci hanno qualcosa di speciale, sono una coccola, servono per festeggiare, tirano su il morale in giornate buie… Cosi’ quando Imma ha proposto questo bel contest non potevo non partecipare.
Questi dolcetti hanno una storia, quando siamo stati ad Addis Abeba per prendere nostro figlio siamo rimasti li per un tempo piu’ lungo del previsto per problemi burocratici. Io che amo i dolci mi ero portata via varie cosine cosi’ non sarei andata in crisi di astinenza ma le scorte finiscono… Cosi’ abbiamo iniziato a girare per trovare qualcosa di dolce. Dovete sapere che gli etiopi sono dei bravi panificatori, il loro pane e’ buonissimo e noi avevamo la fortuna di avere un panificio vicino. Poi abbiamo anche scoperto una specie di caffetteria e li ogni mattina c’erano vari tipi di brioche davvero sfiziose. Io e mio figlio ci siamo innamorati di una in particolare, una girella con la cannella e le mele. Per me i dolci di mele sono sempre stati qualcosa di speciale e queste girelle erano fantastiche!!! Cosi’ arrivata a casa dovevo provare a rifarle e credo che il risultato sia stato soddisfacente e non solo per me perche’ sono andate a ruba!!!

 

Ingredienti:
225 gr. di farina manitoba
25 gr. di burro
3 gr. di lievito di birra secco
1 uovo
125 ml. di latte tiepido
2 cucchiaini di zucchero
un pizzico di sale

Per la farcitura:
50 gr. di burro morbido
1 mela grattugiata
2 cucchiaini di cannella in polvere
50 gr. di zucchero di canna scuro

Per la superficie:
30 gr. di noci a pezzi
sciroppo d’acero q.b.

In una ciotola setacciamo la farina e il sale, uniamo il lievito e lo zucchero. Uniamo il burro e con le mani iniziamo a lavorarlo finche’ otteniamo una pasta simile alle briciole. Mettiamo l’uovo e il latte tiepido e impastiamo fino a quando non diventa un composto compatto. Formiamo una palla , copriamo la ciotola e mettiamo a lievitare fino al raddoppio. Trascorso il tempo riprendiamo la pasta e la stendiamo in un rettangolo piu’ o meno di 30×23 cm. Per farcirlo mescoliamo il burro morbido con le mele, la cannella e lo zucchero. Spalmiamo il composto sulla pasta lasciando tutt’attorno un piccolo bordo. Arrotoliamo e sigilliamo bene i bordi. Tagliamo il rotolo in 12 fettine e le mettiamo su una placca rivestita da carta da forno. Copriamo e lasciamo lievitare alti 30 minuti. Prima di cuocerle a 190°, forno gia’ caldo, versiamo con un cucchiano lo sciroppo d’acero e cospargiamo con le noci. Cuociamo per 30 minuti.
Ho voluto fare l’impasto a mano perche’ ad Addis Abeba e’ cosi’ che lo fanno ma si puo’ usare anche l’impastatore. Il profumo che sprigionano mi fa venire in mente tanti ricordi …

Come sempre le manine spuntano…

E poi si mangia!!!!

Con questa ricetta partecipo al contest dolci a go go dolci del cuore

 

NOODLES DI SOIA CON GAMBERI E VERDURINE

Leggendo dei post in questo periodo molto interessanti mi viene da pormi delle domande… Cos’e’ la liberta’ come ha scritto la mia amica Elle… Oppure l’importanza di questa vita che pero’ non abbiamo mai il tempo di potercela godere fino in fondo… Ma anche come siamo… Come cambiamo… Tutto cio’ che ci succede ci muta dentro e fuori… Quando mi guardo colgo qualche piccola ruga che prima non c’era, ma non mi dipsiace e’ il passare del tempo che resta anche sul mio corpo… Quando mi guardo mi sento davvero molto diversa e certe volte mi sento anche fuori dal gruppo di gente che mi circonda… Non amo la mondanita’… Non amo troppa confusione.. Periodicamente esce la mia malinconia… In certi momenti mi chiudo a riccio, questo succede quando non riesco a far andare le cose come vorrei… Cosi’ mi arrabbio con me stessa perche’ tendo a chiudere fuori le persone che mi amano.  Sto cercando di cambiare… Ed e’ difficile farlo, bisogna lavorare molto su di noi… Dovrei acquistare piu’ sicurezza in me stessa e’ per questo che vacillo… Pero’ leggendovi mi siete d’aiuto per capire molte cose e non perdere di vista i miei obbiettivi cosi’ posso rimanere piu’ lucida… 
Ora basta riflessioni…
L’altra sera avevo voglia di un piatto diverso, ed era da tempo che mi frullavano in testa questi noodles. Quando vado a mangiare giapponese li prendo sempre cosi’ alla fine ho chiesto come si facessero perche’ hanno un gusto particolare e il cuoco gentilmente mi ha detto che il brodo vegetale lo faceva con la cannella… Ecco svelato il mistero!!!

Ingredienti per 2 persone:
Per il brodo vegetale:
1 carota
2 gambi di sedano
1/2 cipolla
1/2 stecca di cannella
sale e pepe

Per i noodles:
100 gr. di noodles di soia
150 gr. di spinacini freschi
15 pomodorini
100 gr. di gamberi sgusciati
2 cucchiai di salsa di soia
succo di mezzo limone
1 cucchiaio di olio evo Dante

Per prima cosa facciamo il brodo. Laviamo e tagliamo a pezzi piccoli la carota, il sedano e la cipolla. Li mettiamo in una pentola con l’acqua. Aggiungiamo la cannella, il sale e il pepe. Facciamo cuocere per 30/40 minuti. Poi filtriamo tutto e teniamo il brodo. In una padellla antiaderente, mettiamo l’olio e lo facciamo scaldare. Versiamo i pomodorini e li cuociamo a fuoco alto finche non si ammorbidiscono. Abbassiamo la fiamma e aggiungiamo gli spinacini, i gamberi, la salsa di soia e il succo del limone. A questo punto versiamo un bicchiere di brodo e mettiamo i noodles, mescoliamo sempre finche’ non si ammorbidiscono. La cottura e’ veloce, dobbiamo aggiungere brodo se si asciugano troppo ma non cuociamoli piu’ di dieci minuti. Noi li abbiamo trovati saporiti e la cannella da un tocco in piu’ al piatto!

Con questa ricetta partecipo al contest di Ale

CROSTATA CON CREMA DI RICOTTA E CIOCCOLATO AL RUM

Stampo a cuore della Happyflex
Buon inizio settimana, come avete passato il week end? Io abbastanza bene, anche se il tempo non e’ stato dei migliori…
Domenica era la festa della mamma e allora sono andata a trovarla e a portarle anche questa crostata che le piace sempre molto e li abbiamo iniziato a parlare di film…
Dovete sapere che mia mamma ha trasmesso a me e a mio fratello l’amore per la lettura e per il cinema. Io non posso stare senza un libro da leggere e adoro guardare film. Il mio genere preferito sono i film in costume, epici, tipo ” Via col vento”, “Il gladiatore”…. Mi piacciono molto i thriller se fatti bene, le commedie ma non troppo demenziali, non amo i film troppo dolci e scontati… Ultimamente  mi sono davvero piaciuti “Lincoln”, “Il lato positivo” e “Django” come vedete tre film diversi ma mi amo variare. Pero’ mia mamma mi ha trasmesso anche un filone che credetemi mi piace un sacco… L’horror!!!!  Mi ricordo quando ero piu’ piccola che ci mettevamo sul divano e guardavamo Dracula, quelli con Cristopher Lee in bianco e nero, mi ricordo ancora quando usciva solo la mano dalla bara ed ero gia’ terrorizzata!!! Cosi’ sabato sera complice il brutto tempo io e mio marito siamo andati a vedere “La casa”… Che tristezza… Non ci sono piu’ i film di una volta, qui c’era solo sangue e io non sono impressionabile per cui non mi fa ne caldo ne freddo, ma zero suspence…. Lo so mi direte “ma che ti aspettavi?!” .. Pero’ ho sempre la speranza di riuscire a vedere un bel horror… Cosi’ l’ho sconsigliato anche a mia mamma, ma se volete vedere qualcosa di inquietante vi consiglio “La madre” per me una favola gotica…
Ora vi lascio la ricetta di questa crostata che ci siamo mangiate mentre èparlavamo di film!!!

Ingredienti:
Per la frolla:
150 gr. di farina integrale
150 gr. di farina “00”
125 gr. di burro
10 gr. di zucchero
1 uovo + 1 tuorlo
1/2 cucchiaino di lievito
un pizzico di sale
1 cucchiaino di rum

Per la crema:
250 gr. di ricotta
3 cucchiai di zucchero a velo
2 cucchiai colmi di crema spalmabile Cuba Rhum Venchi

Per prima cosa facciamo la frolla. Mescoliamo le farine, il lievito, lo zucchero, il pizzico di sale. Aggiungiamo l’ uovo e il tuorlo, il rum e infine il burro. Impastiamo velocemente. Formiamo una palla che avvolgiamo con la pellicola e lasciamo riposare in frigo me mezz’ora. Nel frattempo facciamo la crema. In una planetaria mettiamo la ricotta, la crema spalmabile, lo zucchero a velo e con le fruste amalgamiamo tutto. Deve risultare omogenea. Stendiamo la frolla tenendone da parte un po’ per le decorazioni e la adagiamo nello stampo. Versiamo la crema e decoriamo con la pasta rimasta. Cuociamo a forno giaì caldo a 170° per 35/40 minuti.

Con questa partecipo al Contest di Simona perche’ e’ una semplice crostata con una crema che si fa in pochi minuti ma il risultato e’ davvero molto buono!

BOCCONCINI DI POLLO SPEZIATI CON CAVOLO AL LIMONE IN 30 MINUTI!!!

Ormai dovreste saperlo adoro le spezie, adoro i cibi etnici perche’ usano molte piu’ spezie di noi e amo anche le ricette veloci perche’ molte volte il tempo manca ma non per questo dobbiamo mangiare cibi precotti o poco gustosi. Il contest della mia cara amica Roberta racchiude tutto cio’ che mi piace di piu’ e che appoggio in tutti i sensi. Pochi sprechi, la stagionalita’ e si puo’ avere piatti gustosi anche in poco tempo. Molte volte non ci accorgiamo che con pochi ingredienti possiamo creare veramente delle ricette sane e che non ci fanno “perdere” tanto tempo, ci vuole fantasia e un po’ di buona voglia ma ognuno di noi puo’ riuscirci!!!
Ecco perche’ una sera mi sono messa con l’orologio alla mano e son partita con questa ricetta creata in 30 minuti. Il mio maritino l’ha promossa e io ve la propongo e allora cronometro alla mano e via che si parte!!!

Ingredienti per il pollo per 2 persone:
2 petti di pollo
1 cuchiaio di olio evo Dante
il succo di un limone bio
spezie miste ( cannella, peperoncino, zenzero, cardamomo,pepenero, chiodi di garofano)
1 yogurt greco magro
sale 

Per il cavolo:
1 cavolo verde
zest e succo di un limone bio
sale e pepe

Per prima cosa laviamo e tagliamo il cavolo a pezzi, lo mettiamo in una padella antiaderente con sale, pepe e il succo del limone. Versiamo mezzo bicchiere di acqua e mettiamo un coperchio. Tempo un 5 minuti. Laciamo cuocere per 15 minuti. Nel frattempo in una ciotola mettiamo l’olio il succo di limone, le spezie ( io ho mezzo mezzo cucchiaino raso per ogni spezia) ,e il sale, mescoliamo bene. Tagliamo il pollo e lo irroriamo con la miscela che abbiamo fatto. Tempo 5 minuti. Prendiamo una padella la scaldiamo per bene e versiamo il pollo, lo facciamo rosolare per 5 minuti, abbassiamo la fiamma, versiamo lo yogurt greco e copriamo con un coperchio. Lasciamo cuocere per 10 minuti. Gli ultimii 10 minuti togliamo il coperchio ad entrambe le padelle e lasciamo asciugare a fuoco abbastanza alto. Ecco che in 30 minuti il piatto e’ pronto!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Roberta

PANINI DOLCI ALLA MARMELLATA PER UNA SANA MERENDA

Ogni tanto vado indietro con la memoria e torno bimba…. La mia infanzia e’ stata felice, mi hanno sempre voluto bene e quando ci siamo trasferiti in questo paesino eravamo i primi in quelle casette a schiera… Attorno c’erano i campi … Poi nelle casette vicine sono arrivate due mie compagne di classe e dietro la via abitava il mio migliore amico per cui l’estate la passavamo tutti insieme a giocare fuori, nascondino, a correre in bicicletta, ridere e scherzare…. Poi a meta’ pomeriggio mia mamma ci preparava la merenda, un bel pezzo di pane con la mitica nutella oppure la marmellata, ma la nostra era speciale perche la faceva mia zia  con i frutti dei suoi alberi per cui quando mangi un boccone di quel pane con marmellata sentivi tutto il gusto della frutta!!!!
Per questo quando ho visto il contest di Cristina mi e’ piaciuto subito , per cui ho voluto creare dei panini dolci morbidi con una variegatura di marmellata, che possono essere mangiati come merenda.

Ingredienti pr 6/7  panini:
340 gr. di farina “00”
110 gr. di zucchero
185 ml. di latte tiepido
40 gr. di burro fuso
1 tuorlo
2 cucchiaini di lievito di birra secco
1 cucchiaio di scorza d’arancia grattugiata bio
semini di una bacca di vaniglia
Confettura di albicocche bio Lazzaris

Per la copertura:
gelatina di albicocche
zucchero semolato

Mescoliamo in una ciotola il lievito, due cucchiani di zucchero, il latte e i semini della vaniglia. Copriamo e teniamo al caldo per cinque minuti fino a quando si forma una schiuma in superfiecie. In un’altra ciotola mescoliamo la farina, lo zucchero rimasto e la scorza d’arancia. Uniamo il burro fuso, il tuorlo e il composto con il lievito e impastiamo per una decina di minuti fino a quando non sara’ liscio e omogeneo. Dividiamo in sei o sette pezzi , dipende da quanto grandi vogliamo fare i panini, formiamo delle palline, facciamo un buco e mettiamo un cucchiaino di confettura in centro e richiudiamo la pasta per bene, poi mettiamo su una teglia ricoperta da carta da forno. Copriamo e lasciamo lievitare al caldo, magari in forno con la luce accesa per un ora o fino a quando il composto non e’ raddoppiato. Scaldiamo il forno a 160°, spennelliamo con la gelatina e cospargiamo di zucchero la superficie. Cuociamo per 45 minuti, finche’ sono dorati. Sono buoni sia tiepidi che freddi e si mantengono morbidi in un sacchetto per tre giorni.

 Con questa ricetta partecipo al contest di” Coccole di dolcezza“: