FRITTATA AL FORNO CON ERBETTE DI CAMPO E RICOTTA

Qua la primavera va e viene, ci sono giornate di sole e si sta bene fuori e giornate piovose…  Anche il fisico fa fatica ad abituarsi, e in casa il raffreddore regna sovrano!!! Ormai non ne possiamo piu’, in piu’ mio figlio fa fatica a guarire  da una bruuta tracheite  che non lo fa dormire di notte… Per cui cerchiamo di tirarci su con il mangiare, qualche dolcetto e piatti che portino il sole in tavola. La nonna di mio marito in questi giorni e’ andata a raccogliere erbette nei campi e ce ne ha regalate un bel po’, questi sono pensieri sempre ben accetti !!! Erano belle fresche e verdi e avevo voglia di fare una bella frittata ma per quanto possibile leggera. Per cui ho deciso per  la cottura in forno, un po’ di ricotta per dare sofficita’, le mie belle erbette ed il gioco e’ fatto! Un piatto veloce, gustoso e unico !!! Se volete potete sostituire le erbette con degli spinaci, dei bruscandoli, degli asparagi fate volare la vostra fantasia!

Ingredienti per 3 persone:

  • 3 uova grandi bio
  • 200 gr. di ricotta fresca
  • due cucchiai di grana
  • 50 gr. di erbette di campo lessate
  • scamorza grattugiata per ricoprire
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Per prima cosa sbattiamo bene le uova con il sale e il pepe, incorporiamo la ricotta fresca e amalgamiamo bene il tutto. Aggiungiamo il grana, le erbette precedentemente lessate e mescoliamo. Prendiamo una pirofila e la imburriamo e spolverizziamo con del pane grattuggiato cosi’ la nostra frittata non si attacca. Versiamo il composto e lo livelliamo. Cospargiamo con la scamorza affumicata e cuociamo a forno gia’ caldo a 180° (statico) per 40 minuti circa.

STUZZICHINI CON PASTA SFOGLIA

Che giornate, aver cambiato mansione a lavoro e’ come ricominciare tutto dall’inizio!!! Il primo giorno mi sono ritrovata in panico, mi dicevano che era molto piu’ semplice di quello che facevo ma non avendolo mai fatto ero persa… A mezzogiorno ero cosi’ in ansia che non ho nemmeno pranzato!!! Ora invece dopo un po’ di giorni sono leggermente piu’ tranquilla ma ci sono tante cose da tenere a mente e ho il terrore di sbagliare. Ma come mia hanno detto ci vuole esperienza e io me la faro’! Di bello c’e’ che il tempo mi vola e ho trovato nuovi colleghi disponibili e gentili. Con me c’e’ una ragazza cubana che mi fa morir dal ridere con il suo bellissimo accento e lei e’ cosi’ solare che mi rallegra. Devo dire che piu’ la conosco e piu’ la stimo, la sua vita non e’ stata per niente semplice e ancora adesso non e’ totalmente felice perche’ la maggior parte della sua famiglia e’ a Cuba e lei lavora per poter mandare dei soldi per farli stare meglio. Pensate che un domani uno dei suoi sogni e ritornare a casa e poter aprire una pasticceria, potevamo non andare d’accordo?!   Ora vi lascio questa non ricetta, sono degli stuzzichini semplici e veloci io li ho fatti per una seratina con amici per aperitivo e sono andati a ruba!!! Lo so che e’ facile ma puo’ essere un’idea:)


Ingredienti:
un rotolo di pasta sfoglia
dello speck
olive verdi denocciolate
semini vari ( sesamo, lino e zucca)
grana gratuggiato
1 uovo

Srotoliamo la pasta sfoglia e la stendiamo un po’ con il mattarello. Sbattiamo l’uovo e pennelliamo l’interno della sfoglia. Per i torciglioni tagliamo delle strisce di 2 cm. e all’interno mettiamo un po’ di grana e i semini e attorcigliamo. Per quelli allo speck inseriamo una fettina e attorcigliamo. Per i fagottini con le olive tagliamo dei rettangoli dove al centro possa stare l’oliva e li richiudiamo sigillandoli bene. Spennelliamo con l’uovo rimasto e cuociamo a 180° fino a quando non sono dorati.

INVOLTINI DI VERZA CON CODE DI GAMBERO E YOGURT GRECO AL PROFUMO D’AGRUMI

Pioggia pioggia e pioggia… Non finisce piu’ di piovere!!! Ormai sto facendo i funghi!!! Per fortuna non fa freddissimo ma il cielo e’ sempre grigio, ho voglia di un bel sole. Io sono amante dell’estate adoro la velocita’ con cui ci si veste, le giornate lunghe e luminose, adoro il caldo. Anche io per carita’, soffro l’afa pero’ la sopporto meglio del freddo. Mi sembra di rinascere con i primi caldi e’ come se uscissi dal letargo… 
Noi siamo anche fortunati perche’ siamo vicini al mare e gia’ sogno le giornate in spiaggia, cerchiamo sempre dei posti poco affollati perche’ non amo stare uno sopra l’altro ho bisogno del mio spazio, di tranquillita’ cosi’ da poter leggere dei libri. Amo leggere in spiaggia mi rilassa, con il rumore delle onde e il profumo della salsedine… Vi ho fatto venire voglia d’estate?!
Pero’ non vi propongo una ricetta estiva ma ha dei bellissimi colori per cui mi mette allegria!!! E’ leggera, ma gustosa!

Ingredienti per 2 persone:
5 foglie grandi di verza
250 gr. di code di gambero
1 vasetto di yogurt greco senza grassi
zest e succo di un limone
succo di un’arancia
un pizzico di zenzero grattigiato
un pizzico di paprika dolce
1 cuchiaio di salsa di soia
1 cucchiaio di olio evo Dante

Per prima cosa sbollentiamo le foglie di verza. Facciamo bollire dell’acqua con il succo dell’arancia, immergiamo le foglie e le lasciamo pochi minuti, giusto il tempo che si ammorbidiscano. Le tiriamo fuori e le mettiamo a scolare. Mettiamo le code di gambero a marinare con il succo di limone e la salsa di soia per una decina di minuti. Prendiamo una padella antiaderente e versiamo l’olio, lo scaldiamo e versiamo le code, le facciamo saltare per qualche minuto. In una terrina versiamo lo yogurt greco, la paprika e lo zenzero grattugiato, amalgamiamo bene. Infine aggiungiamo le code di gambero al composto. Prendiamo le foglie di verza e mettiamo l’impasto al centro, richiudiamo formando un fagottino. Mettiamo su una pirofila cospargiamo con lo zest del limone e cuociamo in forno gia’ caldo a 150° per 15 minuti. Lo yogurt si asciughera’ dentro ma resteranno le code di gambero belle morbide e saporite.

Ragazze io sono gia’ emozionata per questo incontro a Roma!!!! le BLOGGALLINE alla riscossa!!!

MUFFIN CON MAIONESE, SALAME PICCANTE E POMODORINI SECCHI

Come avete passato San Valentino? Ho letto che c’e’ a chi non piace, a chi piace… Sinceramente se non visto nel modo consumistico e fatto con amore si puo’ festeggiare. Io l’ho sempre vissuto come il compleanno del mio papa’ per cui festeggiamo in famiglia. Per me l’amore non e’ solo per la persona con cui si vive, ma per tutti quelli a cui vuoi bene. L’amore a varie forme, per i genitori, per mio fratello che non svanira’ mai, per i miei pelosetti che con uno sguardo ti regalano tanto e per mio marito…. Ma lo si puo’ trovare in ogni forma, basta solo volerlo… Anche l’amore per cibo, dei libri, nella natura che tanto ci regala… Dobbiamo aprire gli occhi guardarci attorno e vedremo quanto amore c’e’!!!!
Ok, post un po’ sdolcinato, ma oggi niente dolce lo rimando a lunedi’ senno’ qui si cola melassa!!! Invece muffin salati e piccantini! Anche questa ricetta l’ho vista da Simona e ne sono rimasta folgorata! Veloci, anzi velocissimi, li potete farcire come volete e sono morbidissimi, io avevo la necessita’ di abbinare qualcosa ad un insalata in tempo rapido ed ecco fatto! La sua ricetta la trovate qui, io li ho farciti in un altro modo.

Ingredienti per 6 muffin:
130 di farina autolievitante ( oppure faina “00” piu’ 2 cucchiaini rasi di lievito per torte salate)
45 gr. di maionese
140 gr. di latte parzialmente scremato
un pizzico di sale

Per la farcitura:
4 fetine di salame piccante tagliato a quadratini
5/6 pomodorini secchi tagliati a pezzetti

Mettiamo la farina, la maionese, il latte e il pizzico di sale in una ciotola e li amalgamiamo bene. Prendiamo la farcitura e la aggiungiamo al composto, mescoliamo per incorporare il tutto. Prendiamo degli stampini da muffin e versiamo il composto per 3/4 nel pirottino. Cuociamo a forno caldo statico a 180° per 25 minuti. Sono buoni sia tiepidi che freddi.

Visto che ho parlato d’amore, una di queste forme come dicevo e’ l’amicizia e io devo ringraziare tre di voi che ieri hanno saputo tirarmi su il morale… La mia bella mora in uno scambio delle nostre mail:) una telefonata purtroppo veloce ( ero a lavoro) ma stupenda!!! Una mail del mio splendore!!!
Non c’era niente di materiale ma tanto affetto, queste sono le cose importanti per cui GRAZIE!!!!

POLPETTINE DI RICOTTA E SPECK… Si viaggiare!!!!

Articoli biodegradabili Ecobioshopping

Finalmenete ci avviamo verso il fine settimana, sono stanca ed e’ stata una corsa continua ho voglia di riposo e spensieratezza…
Zonzolando ha fatto un Giveaway che mi piace molto, dobbiamo raccontare dove  sognamo di andare. Io ho qualche meta in testa ma sinceramente vorrei andare in un posto caldo, esotico dove il cielo si fonde con il mare. Dove l’acqua e’ bella cristallina piena di pesci colorati, dove posso vedere le tartarughe deporre le uova e i delfini saltare nel mare…. Dove ancora la tecnologia non e’ arrivata, la natura ancora incontaminata, bella verde lussureggiante… Vorrei passare giornate rilassanti passeggiando, prendendo il sole che penso sia la cosa che mi rilassa di piu’ leggendo magari un bel libro e bevendo da una noce di cocco… Nuotare con i pesci e stare ore ad osservarli… Ed essere con mio marito e magari mio figlio… Lo so che e’ tanto ma ci dicono di pensare ad una meta da sogno e questa  e’ la mia!
Ora vi lascio questa ricetta presa  da qui dove trovate l’originale, io l’ho cambiata un po’ in base ai nostri gusti. Queste polpetine sono favolose, le ho fatto come antipastino per il pranzo di Natale ma mi sono talmente piaciute che le ho rifatte!!!!

Ingredienti per Circa 40 polpette:
250 gr. di ricotta
40 gr. di parmigiano ubriaco grattugiato
40 gr. di formaggio ubriaco grattugiato
150 gr. di speck magro
2 uova
100 gr. di pangrattato
100 gr. di pan grattato integrale
un pizzico di noce moscata
un pizzico di peperoncino
un pizzico di curcuma
un pizzico di cannella
un pizzico di sale

Per il sugo:
1/2 cipolla rossa di Tropea
750 gr. di passata di pomodoro
2 cucchiai di olio evo Dante
sale e pepe

Mettiamo in una ciotola la ricotta, i due formaggi grattugiati, le uova, lo speck tagliato finemente, le spezie e il sale. Amalgamiamo per bene tutti gli ingredienti, se il composto risulta troppo morbido mettiamo un cucchiaio di pan grattato. Poi formiamo delle palline grandi come una noce e le passiamo nel pan grattato. In una padella scaldiamo l’olio, uniamo la cipolla tritata finemente e dopo qualche minuto versiamo la passata di pomodoro, saliamo e portiamo ad ebollizione.Infine immergiamo le polpette nel sugo bollente. Cuociamo a fuoco dolce per 10 minuti e poi le serviamo belle calde.

Articoli biodegradabili Ecobioshopping