TANG ZHO… ASCOLTANDO LE NOTE SONO ARRIVATA IN TRATTORIA

Buongiorno!!!! Titolo strano?! Forse ma c’e’ chi puo’ capire:-) Io vi ringrazio sempre perche siete per me fonte di crescita, ognuno di voi mi da qualcosa. Sara’ da circa due anni che mi sono avvicinata alla cucina, perche’ credetemi prima facevo fatica a fare una pasta in bianco!!!! E grazie alle vostre ricette, ai vostri consigli vado avanti bene, mi sento un po’ piu’ brava, anche se lo so che la strada e’ lunga ma ho voglia di imparare. Tra di voi c’e’ una persona che mi ha sempre dato delle dritte perfette, molto brava … Un piccolo dolce Calimero … Con le sue dolci note mi ha regalato questo  dolce e mi ha fatto conoscere questa trattoria che consiglio a tutti di andare a visitare!!!! L’unica differenza dalla ricetta originale e’ che io ho aggiunto anche del cioccolato bianco, perche’ sono golosa. Lo Tang Zho e’ un impasto che aggiunto al dolce lo mantiene morbido, ma davvero morbido!!!! Se volete saperne di piu’ andate a curiosare qui !

Ingredienti per un plumcake di 30×11 :
Per lo Tang Zho:
10 gr. di farina
50 gr. di latte parzialmente scremato

Per l’impasto:
175 gr. di farina “00”
50 gr. di amido di mais
50 gr. di Ovomaltina
50 gr. di Tang Zho
50 gr. di zucchero
50 gr. olio di semi di girasole
2 uova
6 gr. di Stevia ( o 60 gr. di zucchero)
180 gr. di latticello
25 ge. di latte
1 cucchiaio colmo di caffe’ solubile
20 gr. ci cioccolato fondente tritato
20 gr. di cioccolato bianco tritato
12 gr. di lievito per dolci
un pizzico di sale

Per fare lo Tang Zho mettiamo in un pentolino la farina con un cucchiaio di latte alla volta in modo da stemperarla e che non faccia grumi, deve essere tutta omogenea. Mettiamo sul fuoco basso e portamo a 65° gradi , se non avete il termometro come me ci si accorge che e’ pronto quando mescolando con il cucchiaio di legno si riesce a vedere il fondo del pentolino, il composto si addensa e diventa traslucido. Togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare mescolando spesso per non far formare grumi. Sciogliamo in una tazzina il caffe’ solubile con il latte caldo e lasciamo raffreddare. In una ciotola setacciamo la farina e il lievito, aggiungiamo lo zucchero, la stevia, il sale, l’ovomaltina, il cioccolato bianco e fondente tritati. In un’ altra ciotola sbattiamo le uova con la forchetta, aggiungiamo l’olio, il latticello, il tang zho, il caffe’ e amalgamiamo tutto per bene. Ora versiamo il composto liquido in quello della farina e mescoliamo rapidamente con un cucchiaio senza lavorare troppo l’impasto. Versiamo l’impasto nello stampo e cuociamo a forno gia’ caldo a 200° per i primi 10 minuti, quindi abbasiamo la temperatura a 180° per 30/35 minuti. Fate sempre la prova stecchino.

TORTA DI ZUCCHINE VELOCE E MOLTO BUONA!!!

In questi giorni vado a lavoro prestissimo per avere una parte del pomeriggio libero, ho molte cose da fare e in piu’ in questo periodo c’e’ la migliore amica di mia mamma che compie gli anni e noi ogni volta andiamo in cerca del regalo. Diventa pero’ sempre piu’ difficile trovare qualcosa di originale, che possa piacere ma anche con un prezzo adeguato: Per cui partiamo e ci avviamo verso Treviso. Un giorno come un  altro, caldo, ma si sta bene, un periodo un po’ strano anche per mia mamma con la questione adozione in famiglia siamo tutti in attesa e certi giorni si sentono piu’ di altri…. Ci rilassa andare per i vicoli e guardare le stradine affollate… Ad un certo punto spunta un ragazzo di colore, ci ferma e ci chiede gentilmente se siamo interessate a dei libri, io ho sempre paura della solita truffa e rispondo subito no, lui mi dice che un libro e’ importante, le storie che ci sono rimangono e portano un po’ di magia…. Mi sono fermata e gli ho detto di sceglierne uno per me… Mi ha chiesto se avevo figli e io ho detto di no , ma lui mi ha dato un libro di favole africane, con dei disegni stupendi. Ho pagato e  mi ha stretta, ma  delicatamente non invadente, come un gesto d’affetto e mi dice “mi hai cambiato la giornata e vedrai che tutto si risolve” mi sorride e va via…. Guardo mia mamma che a le lacrime e io pure! Ma lo sapete una cosa?! Mi ha dato la speranza, nella gente perche’ non sono tutti truffatori, la speranza nella vita che molte volte perdo… Io ve lo giuro e’ successo, mi saro’ lasciata suggestinare?! Forse,  ma voglio credere che il destino me lo abbia fatto incontrare per darmi un po’ di felicita’! Ah il regalo non lo abbiamo trovato!
Ora passo alla ricetta  l’avevo vista dalla grande Chiara e me ne ero innnamorata subito, cosi’ per una cena con i nostri splendidi amici ho voluto farla come antipastino sottoforma di torta.

Ingredienti per una torta di 20cm.:
3 zucchine lessate
2 fette di mortadella
4 cucchiai di pane carasau gratuggiato
3 foglie di menta spezzettate
1 uovo
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
sale Gemma di mare
semini vari per guarnire( di zucca , di sesamo, di lino )

Strizziamo le zucchine cosi’ togliamo l’acqua in eccesso e le  frulliamo insieme a tutti gli altri ingredienti. Versiamo in una tortiera, io ho usato una in silicone, mettiamo i semini sopra e cuociamo a forno gia’ caldo a 180° per circa 25/30 minuti. Questa torta e’ stata spazzolata, noi l’abbiamo mangiata tiepida, ma l’ho rifatta altre volte e credetemi che anche fredda e’ buonissima!!!!!

APPLE-BERRIES PIE LIGHT FOR LUISA

Non sono impazzita ma mi piaceva l’idea del nome in inglese, solo che oltre alle mele abbiamo anche i frutti di bosco!!! Io le mele le mangerei sempre e in qualsiasi dolce. Vi metto questa torta perche’ Monica del bellissimo blog “Dolci gusti” ispirata dalla mitica Pupaccena ha indetto un contest sull’amicizia che deve essere paragonata ad una torta e io ho scelto questa. All’inizio dell’amicizia con Luisa , ancora non coscevo bene i gusti e’ venuta a cena da noi con suo marito, di solito chi e’ ospite porta il dolce nelle nostre cenette, ma io avevo un pezzo di questa apple pie e a fine cena lei la vede, mi chiede come e’ fatta e se poteva assaggiarla… E’ stato amore al primo morso!!! 
Credo che rappresenti anche la nostra amicizia, perche’ sembriamo un po’ dure come la crosticina esterna, ma questo ha una sua spiegazione siamo tutte e due timide, ma dentro si racchiude un cuore morbido!!! Io e Luisa non e’ da tantissimo tempo che siamo tanto amiche, sara’ piu’ di un anno, prima ci vedevamo perche’ i nostri mariti giocano a calcio insieme. Noi ci siamo studiate, poi abbiamo iniziato a parlare e infine e’ stato come quel morso… Amore!!! Io ho altre amiche ma non avevo mai provato una vera amicizia una che ti allarga il cuore, una che capisce al volo come stai, una che se serve c’e’ ma non parla mai perche’ sa che non vuoi e tutto questo senza chiedere nulla in cambio! Se questa non e’ rara!!! Per cui io le dico spesso che le voglio bene e credetemi non sono una che esterna molto ma con lei non sono capace di non dirlo! Questo dolce la rappresanta:-) Lei e’ tenera, sincera, fedele, sa ascoltare e capire al volo cosa dico, ma sa essere ferma e dura nella sue decisoni, pero’ anche tanto coccola, insomma e’ una apple pie, al primo morso non puoi piu’ farne a meno! Questa ricetta rappresenta la nostra amicizia ancora di piu’ perche’ siamo sempre alla ricerca di dolci leggeri e abbiamo provato con la Stevia e il risultato e’ piu’ che soddisfacente!!!

Ingredienti per uno stampo baso dentellato da 26 ( io Happyflex):
Per la pasta:
300 gr. di farina “00” Molini Rosignoli
80 gr. di burro ( o margarina)
1 cucchiaino di lievito
60 ml. di acqua fredda
5 gr. di Stevia ( 50 gr. di zucchero)

Per il ripieno:
4 mele
200 gr. di frutti di bosco ( vanno bene anche surgelati)
succo di un limone
1/2 bicchierino di rum
1 cucchiaino di cannella
un pizzico di noce moscata
2 gocce di essenza di vaniglia
8 gr. di Stevia (8O gr. di zucchero)
1 cucchiaio di farina”00″

Per l’impasto mettiamo in una ciotola la farina, il burro freddo, la stevia, il lievito amalgamiamo un po’ e iniziamo a versare l’acqua fino a quando sempre impastanto non abbiamo fatto un composto omogeneo non appiccicoso, la pasta risulta abbastanza dura per cui vi conviene farla per ultima perche io la stendo subito senza metterla a riposare in frigo. Per la farcia laviamo e sbucciamo le mele, le tagliamo a spicchi fini, le irroriamo con il rum, il succo di limone, mettiamo anche la stevia, l’essenza di vaniglia, la cannella e la noce moscata copriamo e lasciamo macerare per 15 minuti. Dividiamo la pasta a meta’ , stendiamo la parte sotto e facciamo i bordi alti circa 3 cm.  Mettiamo la farina e i frutti di bosco nel composto delle mele e mescoliamo. Versiamo tutto nello stampo formando pero’ una montagnetta al centro e lasciando i bordi piu’ basi. Tiriamo l’altra pasta per poter ricoprire tutta la torta, sigilliamo bene i bordi con una forchetta. Spenneliamo con un po’ di latte tutta la superficie e facciamo dei fori in modo che esca il vapore. Cuociamo in forno gia’ caldo a 180° per 20 min. , poi abbassiamo a 160° per altri 20 minuti e infine mettiamo a 140° per gli ultimo 20 min. A cottura avvenuta spennelliamo con un’altro po’ di latte la superfie e cospargiamo con un po’ di zucchero di canna, lasciamo la torta in forno con lo sportello un po’ aperto a raffreddare. 

Con questa ricetta partecipo al contest di Monica:

E ho scelto per Luisa su Zalando questa borsa:

GELATO AL MUFFIN “CIOCCOLATOSO” E CREMA DI LAMPONI

Il gelato!!!! Lo so dopo tutto quello che ho detto vi aspettavate qualcosa di superlativo e invece… No! Ma e’ buono, non e’ originalissimo, ma ci ho messo tanto amore ed e’ la prima ricetta per il mio primo MTChallenge , sono emozionata!!! Ve lo giuro mi sono impegnata ma certe volte non so se vi capita, piu’ cercate di pensare a qualcosa di originale, diverso, che possa stupire e piu’ il  cervello non formula niente!!!

Per non parlare delle foto, il gelato si scioglie velocemente!!! Ecco ho fatto la scoperta dell’acqua calda! Mi veniva un’idea e poi farla era un’impresa… Per cui beccatevi questo e non vi lamentate!!!!Per la base alla vaniglia ho seguito la ricetta della brava Mapi🙂

Per 6 muffin:
200 gr. di farina “00”
80 gr. di cacao amaro
80 gr. di zucchero
50 gr. di gocce di cioccolato fondente
2 cucchiaini rasi di lievito
2 gocce di essenza di vaniglia
un pizzico di sale
1 vasetto di yogurt bianco
1 uovo
40 gr. di olio di semi

Meettiamo in una ciotola la farina, il lievito, il cacao amaro, lo zucchero, il sale e le gocce di cioccolato. Mescoliamo tutto. In un’altra ciotola versiamo, lo yogurt, l’olio, l’uovo e l’essenza di vaniglia. Con una frusta amalgamiamo tutto. Versiamo il composto di farina in quello umido e amlgamiamo tutto ma non mescoliamo troppo. Versiamo per 3/4 nei pirottini e cuociamo a forno gia’ caldo a 170° per 30 minuti.

Ingredienti per la crema di lamponi:
1 vaschetta di lamponi
succo di mezzo limone
un pizzico di cacao amaro
50 gr. di zucchero di canna
2 cucchiai di acqua
In una padella antiaderente mettiamo i cucchiai di acqua con il cacao e stemperiamo. Aggiungiamo i lamponi con lo zucchero e facciamo cuocere a fuoco medio fino a quando non sara’ diventata una purea omogenea e non acquosa. Togliamo dal fuoco e lasciamo raffreddare

Ingredienti per il gelato alla vaniglia:
250 ml. di latte
150 gr. di zucchero semolato
200 ml. di panna fresca
2 uova
1 baccello di vaniglia

Tagliamo a meta’ il bacello di vaniglia e lo mettiamo nel latte in un pentolino insieme a meta’ dello zucchero. Mescoliamo per far sciogliere lo zucchero, poi mettiamo sul fuoco, portiamo quasi ad ebollizione, spegniamo e lasciamo in infusione per almeno 15 minuti. Intanto montiamo i tuorli con il restante zucchero finche’ il composto “scrive”. Riportiamo il latte a bollore e versiamo nel composto di uova sempre mescolando con la frusta.  Riversiamo nel pentolino e facciamo addensare il composto fino a quando velera’ il cucchiaio, io non avevo il termometro per cui sono stata attenta a non farla bollire e sono andata ad occhio con la velatura del cucchiaio. Togliamo la crema dal fuoco e immergiamo la base della pentola in una bacinella con acqua e ghiaccio sempre mescolando per abbattere la temperatura, se l’acqua si intiepidisce cambiarla con altra fresca. Quando la crema si e’ raffreddata la mettiamo in contenitore ermetico sempre con il bacello di vaniglia e mettiamo in frigo a riposare. Io l’ho lasciata due ore. Trascorso il tempo ho ripreso la crema, raschiato i semini della vaniglia e mescolati nella crema. Ho unito la panna e l’ho amalgamata per bene con la crema. Infine ho versato tutto nella gelatiera a mantecare. Gli ultim 5 minuti ho sbriciolato 2 muffin nel composto e ho finito la mantecatura. Per servirlo ho messo un po’ di crema ai lamponi.

Con questa partecipo al MTC :

PIZZA CON POMODORINI SAPORITI E CAPRINO

Siamo arrivati anche a questo week end, come e’ andata la vostra settimana? La mia e’ passata:-) Ieri ho messo un po’ in ordine la cucina e sapete di cosa mi sono accorta?! Che ho una marea di piatti, piattini, scodelle, tazzine spaiati!!! Non e’ mica facile fare la foodblogger… Pe fare le foto mi piacerebbe cambiare piatto sempre, e che dire delle tovagliette?! L’ultima volta ne ho presa una bianca, bella come mi piaceva, purtroppo l’ho sporcata subito, vabbe’ la lavo in lavatrice e…. Ora e’ un fazzoletto!!!! Quando ho le cene pero’ mi tornano utili i vari piatti per gli antipastini per cui li sfrutto. Pero’ non e’ che possiamo andare avanti a prendere piatti e affini sempre! Pensate che mia mamma ormai quando va in giro e vede qualcosa inerente alla cucina, anche dei semplici tovagliolini di carta me li prende! Ormai ho contagiato tutti. Un’altro problema e’ che lo spazio che scarseggia, la mia cucina non e’ molto grande, cosi’ mio marito sta pensando di fare una credenza per tutte le cose, e voi come fate? Vi basta lo spazio in casa?
Ora vi lascio la ricetta di questa pizza con poco lievito ma secondo me la pasta e’ davvero buona, dovete farla lievitare un bel po’ ma poi vi dara’ grandi soddisfazioni! Farcitela come volete , io ormai e’ risaputo adoro i pomodorini e per farla leggera ho aggiunto del caprino e non ho messo la mozzarella, ma sbizzarritevi con tutto cio’ che vi piace!!!

Ingredienti per 2 pizze ( se la tirate fina ne vengono anche 3 ):
500 gr. di farina “0”
400 gr. di acqua tiepida
1 cucchiaio di olio evo Dante
3,5 gr. di lievito di birra disidratato ( o meno di  mezzo cubetto  di quelo fresco)
2 cucchiaini rasi di sale Gemma di mare
semola rimacinata per lavorare la pasta

Per la farcitura:
10/15 pomodorini
una confezione di caprino
passata di pomodoro
 1 spicchio di aglio
sale Gemma di mare
pepe
basilico spezzettato
un pizzico di zucchero

Per fare la pasta, non usate un robot, versiamo in una ciotola la farina con il lievito  e tutta l’acqua. Mescoliamo con una forchetta, aggiungiamo l’olio e il sale, continuando a mescolare, l’impasto e’ molto morbido, non mescolate troppo, deve risultare stracciato, lo vedete perche’ non e’ omogeneo ma la farina ha assorbito l’acqua. Lo lasciamo riposare coperto da un canovaccio per 10 minuti. Trascorso il tempo lo versiamo sul piano di lavoro che abbiamo precedentemente ben coperto con la semola e iniziamo a formare delle pieghe portando i lembi verso il centro, in modo da raccogliere un po’ di semola. Andiamo avanti cosi’ fino a quando l’impasto sembra piu’ asciutto ma deve rimanere morbidissimo. Formiamo una palla, lo mettiamo in un recipiente capiente, meglio se in vetro, copriamo con della pellicola. Lasciamo nella parte basa del frigo dalee 36 fino alle 48 ore. Io l’ho lasciato 36 ore e mi sembra sia venuta bene. Riprendiamo la pasta e la stendiamo nelle teglie, per stenderla mettete un po’ di olio sulle mani,  lasciamo riposare 10/15 minuti, intanto scaldiamo il forno al massimo (il mio arriva a 275°). Mettiamo la salsa di pomodoro e inforniamo sempre al massimo, cuociamo per 10 minuti. Trascorso il tempo le tiriamo fuori e finiamo di farcirle, abbassiamo la temperatura a 200° e cuociamo per 5 minuti.
Per la mia farcia  laviamo i pomodorini, li tagliamo a meta’ e mettiamo in un piatto fondo. aggiungiamo uno spicchio di aglio schiacciato, sale e pepe, il basilico e il pizzico di zucchero, mescolo bene e lascio ad insaporire per un’oretta. Quando le pizze sono pronte per la seconda cottura metto i pomodorini e il caprino.